Gazzaniga Comune                 

                                                          

                                          

 

 

 

                                                                                                 

                                                                                                 

Assessorato alla cultura
meteo gazzaniga

 

WEBCAM

                                          

   Gazzaniga

                                   

 

                                                            

          

                                                                                

                                                                               Sindaco

                              La Gazza                      Geometra Mattia Merelli                      Gagliardetto                               

           

Il comune   Gazzaniga Ŕ un comune della media Val Seriana  in provincia di Bergamo,

                    distante 18 km. dal capoluogo alt. m.386 s.m.

                    Alla data del 31 Dicembre 1985,contava 5006 abitanti su un territorio di Ha 1465,

                    con una densitÓ di 342 abit. per kmq., superiore di 9 unitÓ alla media provinciale.                                                             

           Come per la massima parte dei borghi disseminati sul territorio della provincia,

                    anche per Gazzaniga Ŕ impossibile ricostruire le origini, che si perdono nei misteri del paleolitico orobico,

                    dove "l'Homo di Neandertal" ha lasciato alcune tracce in zone non molto distanti dalla Val Seriana (Val Cavallina).

                    E' certo, invece, che questa terra ospit˛ uno fauna varia e abbondante,

                    che prosper˛ soprattutto negli ultimi periodi interglaciali e di cui si sono trovati

                     numerosi reperti antichi di indubbio interesse nelle immediate vicinanze del paese (Val Gandino, Cene, ecc..).

                    Quando Roma buss˛ alle porte delle valli Bergamasche, nel I I░ sec. a.C.

                    a seguito della vittoria di M.C. Marcello sul Mincio, Gazzaniga quasi certamente aveva giÓ un nucleo abitato,

                    e ce lo conferma il fatto che i romani stabilirono in zona un presidio militare,

                    la cui sicurezza era favorita dall'altopiano di Casnigo, strategicamente adatto a un campo fortificato;

                     l'immediato fondovalle, con le sue terre giÓ dissodate e sufficentemente fertili, garantiva,

                     d' altra parte, il necessario per il sostentamento dei militari e delle relative famiglie sistemate nelle vicinanze del "castrum".

                    Nel Medio Evo il paese seguý la sorte dei villaggi limitrofi.

                     Nel sec. X I I I░ giÓ faceva parte della confederazione " de Honio " ,

                     un'associazione di 8 comuni ( Vertova, Semonte, Bondo, Barbata, Colzate, Fiorano al Serio, Gazzaniga e Rova),

                     la quale, pur rispettando l'indipendenza delle singole " Vicinie ", le univa in una struttura amministrativa unica,

                     denominata " Comune maior de Concilio Honii"o pi¨ semplicemente " Conzilium de Honio" ,

                     con sede certamente in territorio di Vertova, pare in localitÓ "Uný",

                     nei pressi di Bondo; a Vertova c'era pure la dimora dell'amministratore vescovile o feudatario, 

                     incaricato di mantenere vivi i numerosi diritti che il vescovo di Bergamo vantava su quelle comunitÓ;

                     in un documento del 1298-99 tali diritti vengono elencati in 409 titoli, di cui 13 gravavano su Gazzaniga.

                     Di fazione politica "Ghibellina", quale fondo del vescovo bergomense la cui investitura era privilegio dell'imperatore,

                     Gazzaniga, con Vertova e i villaggi circostanti, subirono a pi¨ riprese i deletri effetti degli scontri con i  "Guelfi",

                     i pi¨ cruenti dei quali portano le date del 1397 e del 1398.

                     Le dominazioni milanese e veneta, succedute ai liberi comuni, assicurarono una certa quiete politica favorendo,

                    di conseguenza, lo sviluppo dell'artigianato, del commercio e dell'industria tessile,

                    che  nella  zona  ha  origine  antiche,  giungendo  a  rivaleggiare con la vicina Gandino,

                    la cui fama aveva a quel tempo superato i confini del territorio di Bergamo e dell'Italia.

                     L'industria  si  consolid˛  nel  sec. X I X , garantendo  ai  cittadini,  in simbiosi  con  l'attigua  Fiorano al Serio,

                    una condizione economica accettabile, a integrazione del settore agricolo rimasto il trainante fino ai primi di questo secolo. 

                                                                                          inizio pagina